Come vincere il disagio/paura da cucchiaino durante la pappa

Visto che le abbiamo usiamole! Sto parlando delle mani.

Ecco come vincere la paura da cucchiaino:

molti piccolini si sottraggono all’alimentazione perchè imboccati forzatamente. L’incontro con il cibo, in questo modo, diventerà nella mente del piccolo come un momento da evitare e cercherà di farlo con i mezzi che ha. Il pianto e il movimento.  Il pianto molto spesso, e aggiungo purtroppo, viene preso come pretesto per infilare in bocca un pò di pasto, e il movimento non sempre viene preso di buon grado dal genitore che insegue il piccolo nei suoi “girarsi”.

Per ogni adulto è innaturale pensare di nutrirsi al seno, attaccati a qualcosa di caldo e tenero da cui esce cibo solo liquido e dolce. Viceversa per ogni piccolo è innaturale il contrario e ci vuole tempo, pazienza e zero forzature per renderlo meno estraneo. Avete mai pensato di mangiare con le mani? Beh io si! Chi non mangia la pizza con le mani? Chi non ha mai fatto la sacrosanta scarpetta? Chi non mangia la frutta con le mani? Chi non mangia noccioline e zucchero filato con le mani? ( e potrei proseguire oltre ) Quindi se ai “”grandi” è permesso, perchè i piccoli devono per forza essere imboccati con le posate?

Sporcandosi un dito con il cibo e presentandolo al piccolo si otterranno reazioni diverse:

– la mano della mamma o del papà non fa paura, sono mani che danno sicurezza. il piccolo non sentirà ostilità ma percepirà il calore umano.

– se anche la mamma e il papà toccano con le mani il cibo il piccolo capirà di non essere poi così “piccolo” ma parte di un gruppo unito che si comporta come lui

-il dito della mano è sicuramente meno freddo ed anonimo rispetto ad un cucchiaio

– il dito della mamma è molto simile alla forma del capezzolo. Non di rado il piccolo, dopo aver inghiottito il boccone, si sofferma a succhiare la punta del dito

– i piccoli ciucciatori faticano ad abituarsi all’interruzione del flusso. Ciucciando al seno infatti il flusso è continuo mentre la somministrazione del cibo con il cucchiaio è ovviamente frammentata. Allungando al piccolo un dito con il cibo gli si da anche la possibilità di poterlo succhiare rendendo meno traumatico il distacco.

– Il cucchiaino lo togliamo noi dalla bocca, succhiarlo sarebbe un problema, anche per la sua forma. Il dito invece sarà il piccolo a lasciarlo appena si accorgerà che non “esce” nulla di più!

Consiglio vivamente a tutti i genitori di provare. La dolcezza e l’amore dei gesti quotidiani viene percepita soprattutto dai piccoli che non potranno far altro che apprezzare e ripagarvi con potenti ruttini appagatori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...