Co-sleeping? Si grazie!

Si sai, quando si parla di sonno le opinioni sono sempre contrastanti e spesso smontano teorie “di pancia” che sembrano avviate ed assodate, un rapporto psicofisico molto intenso, i sensi sono coinvolti, gli spazi, le azioni sono coseguenze, insomma, decidere di dormire insieme e condividere molto tempo “nell’intimita’” della notte deve essere una scelta consapevole ma secondo me, mossa in primo luogo da una gran voglia di unione e contatto.

Ho cercato di scrivere il mio pensiero qui, su questo articolo, uscito qualche giorno fa.

Ecco, li c’e’ il mio sentire a riguardo, c’e’ la mia convinzione che in questi giorni e’ ritornata viva piu’ che mai. Davanti agli occhi la vita che sboccia e ti accorgi di quanto abbia bisogno di un’aurea di gioia attorno.  Questo pezzo e’ uscito in concomitanza di un’occasione per me importante, un’ulteriore conferma che stiamo facendo la cosa giusta per la nostra famiglia!

Spero possa spunto di pensieri felici

Nel caso foste interessati qui potrete trovare anche il  primo articolo di apertura alla mia rubrica on line “abbracciami mamma”. Un’articolo che parla di parto dolce ed accoglienza piacevole.

A presto! e buona lettura

537977_412789688799952_1851227763_n

 

Annunci

2 thoughts on “Co-sleeping? Si grazie!

  1. nanna….. 🙂
    “sbagli a tenertelo nel lettone!” mi venne detto da un collega, riguardo al mio primo bimbo “non te lo toglierai fino alle elementari!”
    Precisando che poi il suddetto collega ha avuto figli e ha avuto periodi in cui, “per sopravvivere”, se li è a malincuore (ahimè) presi nel lettone….. il mio bimbone dorme serenissimo sia nel suo lettone rasoterra col suo fratellino, da solo, o con noi, e , sì, è ormai in età da elementari!
    ma con piacere io e il suo papà lo annusiamo spesso accoccolato addormentato tra noi….
    Il suo fratellino, intanto, se la dorme dalla mia parte, da sempre…….a parte qualche ora di qualche notte nel letto in cui fa co-sleeping col fratellone :))
    Le occhiaie le ho, ma ne avrei di più a dovermi alzare e consolare un bimbo che ha già dovuto piangere x chiamarmi, dormo storta e ho male alla cervicale a volte, ma avrei più “male” a non rispondere ai bisogni dei miei CUCCIOLI.
    Perchè di cuccioli animali parliamo: siamo come lupi e lupacchiotti.
    Ci annusiamo, stiamo insieme, a branco!
    Quando è nato Zeno (il mio piccolo di 2 anni) il più “grande”, Ettore, dormiva volentieri da alcuni mesi nel suo letto (di quella marca svedese che dicevi tu!) CON TUNNEL DI STELLE! poetico…
    Ebbene, come prevedibile, ha voluto tornare a ormire nel lettone con mamma e papà e il nuovo esserino , che gli sarebbe parso un vero e proprio intruso, se noi non avessimo acconsentito alla sua richiesta.
    Dopo le prime notti abbiamo capito che il suo bisogno sarebbe durato diverso tempo, perciò ci siamo attrezzati: dal mio lato il comodino è una sorta di mobiletto alto e lungo come il letto: perfetto!!!
    Ci ho piazzato sopra il materassino del lettino con le sponde (che restava in cameretta da sempre a prender polvere e accogliere ogni cosa “buttata là”!) ho sistemato accanto un baule xchè non cadesse e via! tutti e 4 insieme!
    Non ricordo nulla di più dolce che il dormire coi miei bimbi o lasciare che loro, cuccioli di pochi giorni o mesi, dormissero sulla mia pancia, o nella fascia… E sono SICURA che se questi dolcissimi momenti sono già così piacevoli per noi, quando ci vengono in mente, saranno i ricordi che pervaderanno la mia vecchiaia, quando Zeno, Ettore e forse un altro cucciolo della famiglia “lupi” verranno a pranzo da noi una domenica con figli, mogli, nipoti!
    li amiamo, li adoriamo, li accogliamo.
    L’amore non crea vizi, la sottrazione dell’amore sì, i vizi veri, quelli che fanno danni.

    1. elena sei PREZIOSA come sempre, sei una persona speciale e ti sento vicina, tanto vicina. Grazie mille per queste belle parole! A proposito di lupi, due giorni fa parlavo con un’ostetrica che conosco e che mi ha accompagnata durante i travagli, lei mi parlava di TANA, tana come posto dove partorire, allattare, fare l amore, dormire, scambiarsi effusioni. che dire, ha ragione! un posto che sentiamo nostro c’e’, e’ li che vogliamo stare uniti, li le sensazioni di benessere ci sono eccome. Viva la nanna condivisa, chissenefrega dei “non devi”, noi facciamo, i risultati si vedono anche su di noi non solo sui bimbi! quindi avanti tuttaaaa! grazie ancora!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...